Facebook lancia Pay, ed entra nel mondo dei pagamenti digitali

Facebook annuncia Pay, il servizio che offre “un’esperienza di pagamento comoda, sicura e coerente” per gli utenti che usano il sistema di app della società di Mark Zuckerberg. Quindi, anche Messenger, Instagram e WhatsApp,

Facebook Pay, che ha debuttato a novembre negli Stati Uniti, potrà essere utilizzato per fare acquisti, effettuare donazioni o trasferire denaro. Inizialmente il sistema sarà disponibile attraverso l’applicazione principale di Facebook e sulla app di Messenger, mentre a Instagram e WhatsApp le stesse opzioni saranno estese in un secondo momento.

Numeri di carta e conto bancario archiviati e crittografati in modo sicuro

Il nuovo servizio supporta la maggior parte delle principali carte di credito e debito, anche PayPal. Per utilizzarlo sarà necessario aggiungere il metodo di pagamento dalle impostazioni dell’applicazione, o sceglierlo quando si effettua un pagamento. “Gli utenti già usano i pagamenti sulle nostre app per fare acquisti, fare donazioni per una causa oppure mandare denaro – spiega in un post ufficiale Deborah Liu, Vice Presidente Marketplace and Commerce di Facebook -. Facebook Pay renderà più semplici queste transazioni, mentre continuerà a mantenere le informazioni di pagamento sicure e protette”. I  numeri di carta e conto bancario verranno infatti archiviati e crittografati in modo sicuro, riporta Ansa.

La novità principale sta nell’avere messo ordine tra i servizi già disponibili

Se alcune opzioni di pagamento erano già disponibili su Facebook, la novità di Facebook Pay sta principalmente nell’avere messo ordine tra i servizi già disponibili, con l’obiettivo di farli crescere. Da tempo Facebook sta anche lavorando a una migliore integrazione tra le sue applicazioni, per unificare il sistema che gestisce le chat di Messenger, WhatsApp e Instagram. E ha da poco presentato anche un nuovo logo aziendale, pensato per essere usato da tutte le applicazioni e le attività dell’azienda.

Il servizio non farà parte di Libra, che avrà il compito di gestire la valuta virtuale

L’iniziativa rientra nel piano di riorganizzazione di alcuni servizi forniti dall’azienda, ma è separata da Libra, l’ambizioso progetto del CEO di Facebook per creare una valuta digitale propria, ma che finora ha incontrato forti opposizioni da parte di numerosi governi, fra cui gli Stati Uniti e l’Unione Europea. Inoltre, l’abbandono del progetto da parte delle grandi società attive nella gestione dei pagamenti, come eBay, Visa e Mastercard, ha messo in difficoltà Libra, ma Zuckerberg ha spiegato di volere comunque proseguire con il suo piano, riferisce Il Post.

Facebook Pay non farà quindi parte della Libra Association, l’organizzazione indipendente da Facebook, che avrà il compito di gestire la valuta virtuale.

Commenti chiusi.