Cresce il digital banking, i numeri lo dimostrano

L’utilizzo del digital baking si consolida sempre più, e se i clienti attivi su mobile sono cresciuti del 37% nel 2019 nel primo trimestre del 2020 hanno compiuto un ulteriore balzo del 16%. In crescita del 56% anche il volume totale di operazioni dispositive su mobile banking, tra cui bonifici e giroconti, che hanno registrato un incremento del 75%. A trainare l’aumento sono gli utenti che accedono al mobile banking da smartphone con app dedicata. I dati emergono da un’indagine contenuta nel nono Rapporto annuale realizzato da Abi Lab, che ha coinvolto un campione di 25 banche operanti in Italia rappresentativo dell’83% del mondo bancario nazionale in termini di dipendenti.

Il cliente medio accede circa 10 volte al mese da mobile e 5 da pc

Lo studio evidenzia come tutti gli istituti offrano servizi tramite Internet Banking e applicazioni (app) per smartphone. Il 64% offre app anche sui tablet, e il 36% sui dispositivi indossabili (wearable). Secondo il Rapporto però in termini di volumi le operazioni dispositive da personal computer rimangono superiori del 25% rispetto al mobile, anche se in oltre 1 caso su 3 per le banche che hanno risposto al sondaggio il numero di utenti che accede al mobile con smartphone e tablet supera gli attivi via Internet. In particolare, riporta Agi, il cliente medio accede circa 10 volte al mese da mobile e 5 da pc.

Un’offerta in continua evoluzione

L’offerta bancaria fruibile sui canali digitali è in continua evoluzione. Nuovi servizi si affiancano a quelli esistenti, e nuove modalità di erogazione rispondono alle esigenze di un cliente sempre più tecnologico. Mediamente ogni banca offre quasi 3 app (il 50% ha mantenuto invariato il numero, il 19% lo ha aumentato e il 31% lo ha diminuito). Relativamente ai sistemi operativi, il 98% delle app censite è fruibile sia da IoS sia da Android. Per quanto riguarda i servizi offerti, oltre che con app “classiche” di mobile banking, le diverse funzionalità possono essere offerte anche con app ad hoc. Alcuni esempi sono i servizi di compravendita di strumenti finanziari (trading), offerti con applicazioni dedicate dal 24% delle banche, i servizi di pagamento diretti tra persone (P2P), offerti dal 20%, e il Mobile POS, offerto dal 16% delle banche.

Le funzionalità legate a mutui e prestiti sono proposte da circa il 40% delle banche

L’area del comparto del credito si conferma l’ambito in cui l’offerta via Internet Banking è più sviluppata rispetto a quella tramite app: le funzionalità collegate a mutui e prestiti sono proposte da circa il 40% del campione. Inoltre, si evidenzia l’attenzione crescente verso i servizi online che forniscono informazioni aggregate relativamente ai saldi e movimenti di uno o più conti di pagamento online detenuti dal cliente (Account Aggregation, Aisp), e un’estensione dell’offerta relativamente agli strumenti di gestione finanziaria personale (Personal Financial Management).

Soprattutto gli strumenti  che consentono di integrare le informazioni derivanti da più conti di pagamento del cliente, e i servizi di assistenza tramite chat.

Commenti chiusi.