Archivio Mensile: Agosto 2019

Google spia dati dei bambini tramite YouTube?

Tramite YouTube, il servizio di video-streaming di Google, la società di Mountain View raccoglie in modo inappropriato i dettagli personali dei bambini che usano la piattaforma, e li utilizza per fini pubblicitari. Secondo il Washington Post Google ha raggiunto un accordo con la Federal Trade Commission, l’autorità statunitense che tutela i consumatori, per aver violato la COPPA (Children’s Online Privacy Protection Act), la legge che protegge la privacy dei dati federali dei bambini. In pratica, l’algoritmo di YouTube registrerebbe le preferenze del bambino per poi proporre spot mirati di prodotti acquistabili.

Una decisione arrivata dopo anni di reclami da parte di associazioni a difesa della privacy

L’accordo tra le due società prevede una multa milionaria, ma l’importo preciso non è ancora chiaro, e la questione ora passa nelle mani del Dipartimento di Giustizia. La COPPA prevede il divieto di tracciamento e targeting di bambini al di sotto dei 13 anni. Il Washington Post aggiunge che questa decisione arriva dopo anni di reclami sporti contro YouTube da parte di associazioni a difesa della privacy. Le denunce riguardavano alcuni canali che la piattaforma sostiene essere destinati a persone di età superiore ai 13 anni, ma che offrono invece video diretti a bambini più piccoli, come filastrocche e cartoni animati, e la relativa pubblicità.

Anche il Codacons annuncia la presentazione di un esposto

YouTube si è sempre difesa sostenendo che tali canali potevano essere visionati con l’approvazione dei genitori, ma di non poter stabilire effettivamente se tale approvazione fosse stata ricevuta dai visori o meno. Per quanto riguarda il nostro Paese anche il Garante per la privacy italiano dovrà avviare un’indagine su Google: il Codacons annuncia la presentazione di un esposto all’Autorità garante dei dati personali. Già in passato il Codacons ricorda di aver denunciato la presenza su Youtube di video dedicati ai bambini contenenti messaggi pubblicitari occulti, in grado cioè di influenzare i minori. ”Ora, a seguito della violazione della privacy dei bambini accertata negli Stati Uniti, vogliamo che anche in Italia siano avviate indagini sul comportamento della società”, spiega il presidente Carlo Rienzi.

L’utilizzo illegittimo di immagini e dati personali dei bambini su web e social network

“In tal senso chiediamo al Garante della privacy di verificare se Youtube abbia violato le normative nazionale e comunitarie relative ai dati personali dei minori e, in tal caso, che elevi una maxi-sanzione nei confronti del colosso del web”, aggiunge Rienzi.

Proprio su tali temi il Codacons incontrerà nei prossimi giorni il Garante per l’infanzia, riporta Adnkronos, sollevando il problema dell’utilizzo illegittimo di immagini e dati personali dei bambini su web e social network.